martedì, febbraio 28, 2017

CESAR, anticipazione Fuorisalone 2017

CESAR sarà presente a Palazzo Litta con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini

In occasione della Milano Design Week CESAR sarà presente a Palazzo Litta per la collettiva “A matter of Perception” con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini dal 4 al 9 Aprile 2017 

Come suggerisce il gioco di parole, Fra(m)menti svela un’invisibile unione di menti: collega, separa e unisce, evidente metafora della molteplicità di connessioni tra due o più persone e tra le persone e gli oggetti.  
Un solo punto fermo, a centro sala: la cucina UNIT di Cesar firmata da Garcìa Cumini.
Tutt’intorno un gioco di specchi mette in relazione prodotto e osservatore, invitandolo ad uno scatto fotografico, da condividere in una o più  interazioni social.
Attraverso le sue infinite emanazioni, ogni specchio dà vita ad una connessione esclusiva, perché unico è il punto di vista dell’osservatore, il riflesso, il modo di interagire.

CESAR sarà presente a Palazzo Litta con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini

UNIT, sistema progettuale dinamico e leggero, libero dai vincoli delle pareti, è il perfetto interprete di una messa in scena che coinvolge il pubblico in un’esperienza a tutto tondo. Il design, connotato dall’assenza di spigolosità, le linee archetipe che richiamano una estetica della memoria, catturano l’attenzione del pubblico, invitandolo all’interazione. 
Gli specchi creano tra loro una rete, una catena immaginaria simile ad una formula alchemica che, a sua volta, riflette se stessa infinite volte, permettendo allo spettatore di perdersi nello spazio, fino a farsi “attore” di una personalissima visione.

CESAR sarà presente a Palazzo Litta con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini
CESAR sarà presente a Palazzo Litta con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini
CESAR sarà presente a Palazzo Litta con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini



Share:

lunedì, febbraio 27, 2017

Un loft in una villa del Quattrocento

La ristrutturazione di un appartamento in una villa antica

Un suggestivo appartamento, firmato Plusultra Studio di Milano, scandito dal delicato accostamento di arredi antichi e moderni, di materiali d’origine e nuove finiture, oltre a bellissimi oggetti e opere d’arte del passato con pezzi contemporanei.

Distribuito su due piani per una superficie complessiva di circa 180 mq, l’appartamento è caratterizzato da una forte continuità degli spazi, da affacci interni e da un delicato equilibrio tra sostanza originale, nuovi arredi e finiture.
Al piano terra si trova il salone, caratterizzato da uno spazio a doppia altezza e dalla presenza di un grande camino, oltre alla camera da letto padronale. Nell’ingresso un piccolo bagno di servizio è integrato nel mobile guardaroba.
Una scala lineare con parapetto in muratura disegna una netta diagonale lungo il muro perimetrale e conduce al piano superiore, dove sono collocate la cucina e la sala da pranzo. Attraverso una soglia ad arco si passa nella zona per gli ospiti, separata dal resto dell’ambiente da alcuni gradini.

La ristrutturazione di un appartamento in una villa antica
La ristrutturazione di un appartamento in una villa antica
La ristrutturazione di un appartamento in una villa antica
La ristrutturazione di un appartamento in una villa antica
La ristrutturazione di un appartamento in una villa antica
La ristrutturazione di un appartamento in una villa antica
Foto: © Alberto Canepa



Share:

Comprare casa: meglio nuova o da ristrutturare?

Tutto ciò che occorre sapere prima di comprare casa

Tutto ciò che occorre sapere prima di comprare casa

Quando si decide di acquistare una casa nuova o da ristrutturare è sempre meglio affidarsi a professionisti del settore per evitare spiacevoli sorprese e troppe complicazioni burocratiche.
Chi sceglie di acquistare una casa di nuova costruzione, quindi sulla carta, deve essere tutelato con le garanzie del costruttore. Prima fra tutte c’è l’assicurazione dell’immobile contro eventuali vizi e difetti che copre per i 10 anni successivi dalla data di completamento dei lavori, emessa anche a copertura dei danni materiali e diretti dell’immobile, compresi i danni a terzi, a cui sia tenuto il costruttore. L’acquirente ha inoltre il diritto di esigere dal costruttore una polizza fideiussoria a garanzia delle somme versate o da versare per l’acquisto dell’immobile in costruzione.

Una volta che si è presa la decisione di acquistare, il primo passo è il contratto preliminare di compravendita immobiliare, ovvero il compromesso. In questa fase viene redatto un documento scritto nel quale venditore a acquirente definiscono modalità e termini della compravendita. Alla firma del compromesso l’acquirente è tenuto a versare una caparra al venditore. Si tratta di una tutela per entrambi le parti in caso di inadempimento contrattuale, infatti se chi compra dovesse risultare inadempiente, il venditore potrà trattenere la caparra. Nel caso in cui fosse il venditore ad essere inadempiente, all’acquirente sarà restituita la caparra più una somma di pari valore. Il compromesso deve essere registrato all’Agenzia delle Entrate entro 20 giorni dalla sua stipula, versando l’imposta di registro di euro 200 e un’imposta proporzionale pari allo 0,50 % della caparra versata.

Il rogito è l’atto notarile che perfeziona la compravendita dell’immobile. Nel caso in cui l’acquirente ricorra ad un mutuo per l’acquisto della casa, ci sarà anche un contratto di mutuo con la banca. Il notaio è obbligato a effettuare le visure catastali e tutti i controlli sull’immobile. Dopo il rogito la casa è vostra ma ricordate che rimangono altre pratiche burocratiche da affrontare prima di aver concluso il tutto, come gli allacciamenti di luce, acqua e gas, luce, telefono, il cambio di residenza.


Tutto ciò che occorre sapere prima di comprare casa.


Se invece si è scelto di acquistare una casa da ristrutturare, è sicuramente meglio farsi seguire da un architetto o da un geometra per valutare correttamente l’entità dei lavori da eseguire.

Quando si decide di affrontare la ristrutturazione di una casa è importante conoscere gli aspetti normativi, tecnici e naturalmente economici. I lavori di ristrutturazione possono essere molto impegnativi e complessi per cui occorre avvalersi di un tecnico e di personale altamente qualificato per evitare qualsiasi problema. Generalmente le parti di una casa che richiedono lavori di rifacimento sono gli impianti, i pavimenti, i serramenti, ma spesso può essere necessario rifare anche il tetto, senza dubbio uno dei lavori più costosi.

Fare il sopraluogo di una casa da ristrutturare accompagnati da un architetto è  utile per valutare la reale situazione dell’immobile e capire quali lavori sono effettivamente necessari per renderlo completamente abitabile. Una volta che si conosce la somma da investire nella ristrutturazione e la durata dei lavori, si può decidere con maggior tranquillità.

In caso di una ristrutturazione edilizia è possibile richiedere alla banca un mutuo o prestito usufruendo delle detrazioni fiscali.



Share:

venerdì, febbraio 24, 2017

Il bianco che racconta il bianco

White in the city l’evento più atteso della Milano Design Week 2017

L’evento più atteso della prossima Milano Design Week si chiama White in the city e, come dice il nome, avrà per protagonista il bianco: il “colore non colore” che ha attraversato la storia dell’architettura e del design ed ora è il simbolo della contemporaneità, dell’essenzialità, di un nuovo modo di concepire gli spazi.

Le sue mille sfaccettature lo rendono il più vario delle basi cromatiche: a volte è più vicino all’eleganza dell’avorio, altre più simile al freddo del ghiaccio, altre ancora alla morbidezza del lino. C’è il bianco corposo, quello evocato dalle case del sud Italia, della Grecia e dell’Andalusia, con i loro rivestimenti a calce e le pietre chiare. C’è il bianco assoluto, “che rende più evidenti le differenze tra aperture e chiusure, tra solidità e trasparenza, tra involucro e struttura”, come sostiene Richard Meier. C’è il bianco metropolitano, che riveste gli elementi architettonici con la sua patina candida, lasciando intravedere la materia. E ci sono le infinite sfumature di bianco delle fibre naturali: cotone, lino e canapa, ciascuna con la sua particolarità.
Il bianco trasmette un fascino senza tempo, è in grado di armonizzarsi con stili ed ambienti differenti, trasformandosi, a volte, nell’elemento distintivo di un progetto; è la tonalità che, più di tutte, dona forza e fascino ad uno spazio, interno o esterno che sia. Con le sfumature di questo “non colore”, si può enfatizzare la profondità di un ambiente, mettere in evidenza i dettagli, le texture e i materiali.
Il bianco non è solo una scelta di tendenza, il bianco è anche funzionalità; il bianco attenua le imperfezioni ottiche, fa sua la luce naturale e la riflette nelle stanze regalando una sensazione di raffinatezza, di modernità e pura bellezza.
Sono moltissimi gli interni scanditi dal candore, sia classici che contemporanei; ambienti monocromatici dal carattere forte che ci piacciono perché non eccedono nella saturazione totale ma giocano con tutte le gradazioni di bianco dei materiali, degli oggetti, delle finiture per creare movimento, fluidità ed emozione.
Se, come noi, amate il bianco, non perdetevi White in the city, l’evento promosso da Oikos e curato da Giulio Cappellini, che racconterà il bianco attraverso i lavori di numerosi architetti e designer di fama internazionale.

White in the city l’evento più atteso della Milano Design Week 2017
White in the city l’evento più atteso della Milano Design Week 2017
White in the city l’evento più atteso della Milano Design Week 2017
White in the city l’evento più atteso della Milano Design Week 2017
White in the city l’evento più atteso della Milano Design Week 2017
White in the city l’evento più atteso della Milano Design Week 2017

White in the city Milano Design Week 2017 dal 4 al 9 aprile




Share:

giovedì, febbraio 23, 2017

Mini case su ruote

Micro case ecologiche da trasportare ovunque

In America le mini case su ruote sono ormai diventate una nuova tendenza architettonica per chi desidera vivere in modo più ecologico e sostenibile.

Da qualche tempo, infatti, negli Stati Uniti è nato un vero e proprio movimento chiamato Tiny House Movement che promuove una filosofia di vita più semplice ed economica scegliendo di vivere in abitazioni dalle dimensioni ridotte che non superano i 50 metri quadrati.

Ovviamente, rispetto ai tradizionali camper, dal punto di vista architettonico queste mini case su ruote sono progettate come delle vere e proprie abitazioni dotate di ogni comfort, rigorosamente ecosostenibili e con la possibilità di poterle trasportare ovunque si voglia. I sostenitori di questo movimento sono spesso appassionati di fai da te, infatti, nonostante la forte presenza di aziende specializzate nella progettazione e costruzione di mini case dal design originale, molti prediligono comunque costruire da soli la propria abitazione. 

Le mini case attirano non solo giovani coppie o single, ma anche famiglie, pensionati, insomma chiunque sia alla ricerca di una soluzione abitativa più economica, pratica e decisamente versatile.
Ecco una deliziosa mini casa su ruote progettata e costruita da Ana White e suo marito Jacob. La coppia che vive in un piccolo paesino in Alaska, ha saputo trasformare la passione per il fai da te in un lavoro, realizzando inizialmente mobili e complementi ed ora anche delle splendide mini case curate in ogni minimo dettaglio.


Se vi piace l’idea di vivere in una mini casa su ruote, magari solo per le vacanze, nel sito di Ana White è possibile scaricare tutti i progetti e le istruzioni per costruire da zero la vostra mini casa, e naturalmente anche tutto l’arredamento!


Share:

mercoledì, febbraio 22, 2017

Scegliere la giusta disposizione dei quadri

Consigli e idee per appendere i quadri alle pareti di casa

Creare una bella composizione con i quadri è da sempre il modo più semplice ed efficace per trasformare una parete di casa, regalando così un nuovo look alla stanza.   

Ma come scegliere la giusta disposizione dei quadri per ottenere un buon risultato? Per farlo occorre tenere in considerazione alcuni aspetti come le dimensioni, i colori, gli allineamenti e naturalmente lo stile.  

Per non commettere errori il primo consiglio è sicuramente quello di collocare a terra i quadri ricreando la composizione che avete in mente, e se non vi piace l’effetto non dovrete fare altro che riposizionare le cornici fino ad ottenere una disposizione armonica e piacevole da guardare. Inoltre, in questo modo, eviterete di forare più volte il muro sprecando chiodi o tasselli e, naturalmente, tempo prezioso.

La scelta della disposizione dipende innanzitutto dalla dimensione della parete che volete decorare e naturalmente dal formato dei quadri. La soluzione ottimale è quella di raggruppare i quadri di piccola e media grandezza, posizionando i grandi sopra quelli piccoli, così come quelli dai colori scuri andranno appesi sopra quelli più chiari.

Se volete abbinare due o più quadri dello stesso formato, potete facilmente appenderli tutti in fila alla medesima altezza.  Un lay out certamente classico, ma difficilmente si può sbagliare.

Consigli e idee per appendere i quadri alle pareti di casa
Consigli e idee per appendere i quadri alle pareti di casa

Quando si appendono quadri e cornici su una parete completamente vuota, è necessario comunque rispettare una certa altezza da terra che va dai 120 ai 140 cm, in questo modo saranno disposti ad altezza occhi e quindi ben visibili.

Se invece dovete appendere un gruppo di quadri che hanno diverse misure, potete creare una composizione dall’effetto “disordinato”. In questo caso è necessario definire sulla parete una sorta di rettangolo o quadrato “immaginario” all’interno del quale saranno appesi i quadri. Così facendo eviterete il classico errore di appenderli troppo distanti tra loro lasciando spazi troppo vuoti. 

Consigli e idee per appendere i quadri alle pareti di casa

Per chi invece desidera creare una composizione più creativa e personale, potete optare per la disposizione ad angolo, soluzione perfetta anche per decorare la parete di una scala.  

Consigli e idee per appendere i quadri alle pareti di casa

Per quadri e tele di grande dimensione, il discorso è ovviamente più semplice. Per ottenere un effetto scenografico occorre un ambiente spazioso e una parete intera a disposizione sulla quale collocare il vostro quadro, proprio come fosse una galleria d’arte. 

Consigli e idee per appendere i quadri alle pareti di casa

Evitate di inserire un grande quadro in uno spazio ridotto perché l’ambiente risulterà visivamente ancora più piccolo, inoltre il quadro perderà la sua importanza e lo si potrà osservare male.

Consigli e idee per appendere i quadri alle pareti di casa

Quando si devono appendere i quadri a parete è fondamentale non avere fretta e valutare con attenzione le diverse possibilità al fine di scegliere la giusta disposizione!


Share:

martedì, febbraio 21, 2017

Fai da te: sottobicchieri in legno dipinti a mano

idea creativa e fai da te con il legno

Il legno, materiale estremamente versatile, facile da lavorare, ecologico e riciclabile, è spesso protagonista di molti progetti fai da te. 
Se siete appassionati di fai da te ecco un’idea creativa per realizzare degli originali sottobicchieri di legno da dipingere a mano
Un tutorial di facile realizzazione anche per i meno esperti di bricolage!

idea creativa e fai da te con il legno
idea creativa e fai da te con il legno

Occorrente:
tavole di legno nel formato 10 x 10 (se non avete l’attrezzatura per tagliare da soli il legno potete rivolgervi a qualsiasi negozio di bricolage)
smalto per legno - bianco (per la base) e blu scuro
nastro adesivo di carta
pennelli, spugna, cotton fioc
carta vetrata fine (opzionale)
spry o vernice trasparente per fissare il colore

idea creativa e fai da te con il legno


Tutorial:
Se le tavole di legno sono grezze occorre prima di tutto passarle con della carta vetrata fine per rendere completamente liscio sia il piano che i bordi; fatto ciò disponete il nastro adesivo come illustrato nell’immagine.

Dipingete la zona più grande con la vernice bianca e lasciate asciugare. Una volta asciutto rimuovete delicatamente il nastro.

idea creativa e fai da te con il legno
idea creativa e fai da te con il legno

Ora inizia la parte più creativa! 
Disegnate delle linee semplici utilizzando un pennello piatto; per creare l’effetto “sfocato” utilizzate la spugna; per fare tanti piccoli puntini utilizzate un cotton fioc, mentre per le linee incrociate utilizzate nuovamente il pennello fine.

idea creativa e fai da te con il legno
idea creativa e fai da te con il legno
idea creativa e fai da te con il legno

Una volta che i colori saranno asciutti sarà possibile passare la vernice fissativa per evitare che l’acqua li possa danneggiare. Facile vero? 

idea creativa e fai da te con il legno

Creare oggetti utili e allo stesso tempo decorativi utilizzando il legno è quasi sempre spesso molto facile e di grande soddisfazione, proprio come in questo caso!


Share:
© Blog di arredamento e interni - Dettagli Home Decor | All rights reserved.
Blogger Template Crafted by pipdig