40×40: una collezione ricavata dagli scarti delle piastrelle di marmo

dettagli home decor

Paolo Ulian, designer da sempre attento al rispetto dei materiali,
e Moreno Ratti, designer di
Carrara, presentano la collezione 40×40: sette prototipi in marmo frutto della
riflessione sul riuso.
Si va dal tavolo al portafrutta, tutti realizzati con
gli scarti delle piastrelle di marmo, il cui formato più comune è appunto di 40
x 40 centimetri.

Ogni
anno un gran numero di piastrelle in marmo viene scartato dalle aziende
produttrici perché la tonalità non è perfetta o perché le venature appaiono
troppo evidenti o, ancora, perché presentano bordi irregolari. 

“Le aziende che lavorano con questo tipo di piastrella
accumulano scatole e scatole di piastrelle abbandonate che probabilmente non
saranno mai vendute. Abbiamo deciso di dare loro una seconda possibilità e di
trasformarle in pezzi di arredo con una dignità”
spiegano i progettisti.

Ogni lastra è tagliata con
l’uso di un macchinario waterjet per creare una serie di pezzi che vengono
assemblati in oggetti tridimensionali senza produrre scarti.

dettagli home decor

dettagli home decor

Gerla, vaso e portafrutta

Una piastrella di marmo
40x40x4 cm di spessore è tagliata in modo concentrico per ottenere una serie di
anelli ovali con spessori molto sottili. Questi si sovrappongono a diventare un
vaso di altezza 40 centimetri. I lievi solchi causati dal getto d’acqua dovuti
al taglio dei pezzi diventano una decorazione naturale che caratterizza la superficie
del vaso. Lo scarto esterno diventa un portafrutta.

dettagli home decor

O-Ring, portafrutta

Basta una marmetta
40x40x1 cm di spessore per ricavare gli anelli necessari per ottenere un
portafrutta leggero e capiente.

dettagli home decor

dettagli home decor

Piet, portafrutta

Un piccolo contenitore da
tavola realizzato con quattro lastrine incastrate tra loro. Tutte ricavate da
una marmetta 40x40x1 cm. Senza alcuno scarto.

La collezione è stata
anticipata dalla presentazione della lampada PiùOmeno, esposta al
Triennale Design Museum nella mostra “Il design italiano oltre le crisi”.

www.morenoratti.com

www.paoloulian.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *