A qualcuno piace loft!

dettagli home decor

Un ex garage nel cuore di Parigi è stato
convertito in un loft
 completamente aperto e molto accogliente.

La proprietaria dello spazio ha deciso di affidare il lavoro di recupero
al designer di interni Emmanuel Dougier. Famoso per aver trasformato nel corso
degli ultimi quindici anni  luoghi
insoliti, Dougier si è immediatamente innamorato di questo vecchio garage Citroen
così ha completamente ridisegnato lo spazio mantenendo le caratteristiche dello
stile industriale di Parigi del XX secolo.

dettagli home decor

Gli elementi in ferro di colore
grigio antracite che si aprono sul giardino donano un  carattere industriale a questo ex garage.
 Il giardino è stato completato con grandi vasi
di zinco in cui crescono allori, narcisi, edera e alberi di olivo. Per godere delle
giornate di sole ecco un tavolo circondato da sedie in metallo di colore verde
brillante, in perfetta armonia con la vegetazione circostante.
 Sullo sfondo si nota uno scorcio della camera padronale dove  il letto, posizionato sulla parete di fondo, è
stato arricchito con molti cuscini per creare un’atmosfera calda. 

dettagli home decor

“Apertura” è la parola chiave che riassume il lavoro sviluppato in questo
spazio industriale completamente rivisitato.
 Una serie di finestre, in stile officina, separano le diverse
stanze.
 Le porte sono state tutte realizzate su misura
da un fabbro, tutte rigorosamente  in
legno di rovere per dare la giusta prospettiva e illuminare l’interno.
 

dettagli home decor

Il iving, dove troviamo una stufa a legna, è stato organizzato in modo quasi
simmetrico, ma non rigido, si compone di due divani in lino coperti con
trapunte e cuscini nei toni del verde per richiamare i colori del giardino.
 Lo spirito naturale è
stato evidenziato con due pouf di maglia, due sgabelli in metallo,
posizionati al centro, servono da tavolino e richiamano la grafica del tappeto.
 
Il bianco delle pareti contribuisce a donare luminosità al living che
risulta nel complesso accogliente e confortevole.

dettagli home decor

Per l’ambiente cucina, Emmanuel Dougier, ha scelto tradizione e modernità,
creando uno spazio ampio, luminoso e tutto rigorosamente in
 bianco e nero. Gli
elementi che compongono la cucina sono allineati nella parete in fondo
alla stanza e, di fronte, troviamo l’angolo dedicato al pranzo. Il bianco e
nero mettono in maggiore risalto il pavimento di parquet, il piano di lavoro in
rovere grezzo e le piastrelle in ardesia. Forno, lavello e maniglie,
rigorosamente in stile country, si mescolano perfettamente con gli elementi
moderni presenti nella stanza.

dettagli home decor

Il corridoio, che porta verso la camera e il
bagno, è caratterizzato da grandi vetrate aperte sul giardino e sono un forte
richiamo allo stile industriale. Per ottimizzare lo spazio, lungo questo
passaggio, sono stati ricavati degli armadi di legno. 

dettagli home decor

Al primo piano sono state ricavate due camere da letto e un bagno per gli
ospiti. Sul pianerottolo è stato inserito un divano che funge da letto
supplementare, reso più confortevole dai diversi cuscini accumulati che ne accentuano
l’atmosfera accogliente.  Il pavimento in rovere aggiunge calore all’ambiente
e la luce che penetra dal lucernario rende luminosa l’intera stanza.

(via mariclairemaison.com)

4 Comments

  1. Anonimo
    27 Mag 2013 / 2:44 pm

    Thank you foг еѵerу other magnifіcent ρoѕt.Thе plaсe else coulԁ anyоne get that κinԁ of infο in such an ideal mannеr of writіng?I've a presentation next week, and I am on the search for such info.Here is my blog post – Street. Mark'ѕ Βaѕіlica Venice Italia

  2. elena bottari
    27 Mag 2013 / 7:09 pm

    Bellissimo! Complimenti per i post sempre meravigliosi!!

    • dettagli
      28 Mag 2013 / 7:39 am

      Grazie Elena per i tuoi apprezzamenti è una soddisfazione! elisabetta

  3. serena (io imparo con la felicità)
    28 Mag 2013 / 7:43 am

    belli questi ambienti così ariosi, dove il verde-spazio aperto riesce a contaminare tutte le parti della casa. mi piacciono moltissimo gli sgabellini del salotto, hai idea di chi siano?un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *