Appartamento multicolor

dettagli home decor

Una nuova distribuzione degli spazi,  la
tavolozza di colori pastello insieme al restauro di alcuni elementi dei primi
del Novecento hanno donato un nuovo look ad un appartamento di 100 mq.

Situato
all’interno di un edificio in stile liberty del quartiere Eixample di
Barcellona, l’appartamento è stato completamente rinnovato dallo  Studio CaSA e Margherita Serboli per diventare
la casa vacanze di  una famiglia
italiana. 

I clienti desideravano ricavare
tre camere doppie e una casa che evidenziasse i
dettagli di inizio Novecento attraverso un design più contemporaneo.

Gli
architetti hanno rivisto l’intero lay out  al fine di rendere più luminoso l’intero
appartamento e sfruttare al meglio lo spazio disponibile.  Per fare ciò le tre pareti portanti sono state
trasformate in assi trasversali  attorno
alle quali sono state organizzate le tre zone principali: un open space che
porta dall’ingresso con cucina a vista al living con sala da pranzo; una zona centrale
che ospita le camere da letto per gli ospiti; la camera da letto padronale, una
suite di quasi 20 mq dotata di bagno privato e ampia cabina armadio.

Per conservare l’essenza Art Nouveau dell’edificio
sono stati mantenuti e restaurati alcuni elementi originali, come gli infissi
delle finestre e i soffitti a volte catalane realizzati in cotto, con l’aggiunta
di particolari dettagli dal sapore contemporaneo ma perfettamente in linea con
lo stile della casa, come le bellissime cementine colorate scelte per  caratterizzare il living e la sala da pranzo.  
L’atmosfera mediterranea domina l’intero
progetto con una combinazione di colori che gioca con il bianco combinato a
delicate tonalità pastello, con arredi su misura, mobili dal sapore nordico e
pezzi vintage che regalano un’aria vissuta alla casa. 

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

foto: Roberto Ruiz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *