Architettura green. Fotovoltaico: sostenibile prima, riciclabile dopo

Gli impianti fotovoltaici sono il futuro dell'edilizia intelligente

Negli ultimi anni
l’espressione
architettura sostenibile
sta prendendo sempre più piede nel mondo dell’edilizia. Pur essendo entrata di
diritto nell’agenda di imprese e professionisti del settore, stenta a trovare
soluzioni nel concreto. Più che di un ramo dell’architettura si tratta di un
approccio derivato che spinge il progettista a tenere conto di determinati
fattori al fine di ridurre al massimo l’impatto delle costruzioni. Come?
Attraverso l’impiego limitato di risorse non rinnovabili e di materiali dannosi
per salvaguardare il rapporto
uomo-edificio-ambiente.
L’obiettivo più ambizioso è riuscire a riciclare per intero o quasi mediante la
previsione di veri e propri edifici scomponibili capaci di adattarsi a usi
sempre nuovi. Andrebbero perciò pianificati immobili dotati di elementi e
materiali che possano essere recuperati, riutilizzati o ancora smaltiti in modo
integrale e senza causare inquinamento.

Gli impianti fotovoltaici sono il futuro dell'edilizia intelligente

Tra le principali
finalità progettuali che si muovono in questa direzione vi è sicuramente l’efficienza energetica. In effetti si
parla sempre più spesso dell’importanza degli impianti fotovoltaici integrati,
un connubio perfetto tra estetica e funzionalità. Esemplare in tal senso è
l’installazione delle tegole fotovoltaiche sul tetto dell’edificio in
alternativa ai più tradizionali pannelli non solo per azzerare l’impatto visivo
ma per conferire un design di
particolare pregio
. Basti pensare che la loro funzione non termina con il
“solo” sfruttamento dell’energia solare visto che, oltre a rendere impermeabile
la struttura, garantiscono un buon isolamento termico/acustico. Il fotovoltaico
è diventato un affascinante banco di prova e sta riuscendo a cambiare le regole
del gioco dell’architettura.

Gli impianti fotovoltaici sono il futuro dell'edilizia intelligente

La stessa Comunità
Europea sta producendo il massimo sforzo per elaborare dei piani di
sostenibilità ambientale affinché la
tecnologia
fotovoltaica
possa integrarsi in maniera totale. Non è un caso che
l’interesse per la materia sia cresciuto al punto tale da inglobare il più
ampio discorso sullo smaltimento. Regolato dal Decreto Legislativo 49/2014,
questo prevede infatti che i pannelli vengano trattati come RAEE, ovvero
Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed
Elettroniche
. Quelli con le celle in silicio, per esempio, sono composti da
materiali quasi completamente riciclabili che si integrano alla perfezione nei
meccanismi di trattamento dei rifiuti. Il GSE ha inoltre previsto che
produttori e importatori garantiscano un recupero
ambientale compatibile.

Gli impianti fotovoltaici sono il futuro dell'edilizia intelligente

Ecco perché
rivolgersi a ditte specializzate ed esperti del settore come
Kennew risulta la mossa più giusta da fare.
Gli impianti fotovoltaici sono il futuro dell’edilizia intelligente.
Grazie ai passi compiuti dalla ricerca oggi è possibile produrre energia pulita
risparmiando e soprattutto rispettando l’ambiente. Quello che serve è una
rivalutazione dei principi dell’architettura per rispondere ai problemi
ambientali ormai impossibili da ignorare. Purtroppo non esistono risposte
immediate per via della complessità dei processi per un’architettura priva di
effetti collaterali per il pianeta. L’aspetto vincente di un progetto però non
sta solo nelle scelte che lo rendono ecologico, ma anche in tutto ciò che lo
circonda, in quello che definisce i comportamenti
da seguire
per vivere riducendo al minimo gli sprechi e i consumi energetici.
Quello che serve è riuscire a coniugare le esigenze abitative con il rispetto
del contesto paesaggistico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *