Come funziona l’elettrolisi del sale in piscina?

0 Shares
0
0
0

piscina con acqua pulita e trasparente

Ora che sai cosa significa avere una piscina con acqua salata è il momento di scoprire come funziona l’elettrolisi del sale in piscina, ovvero il metodo di disinfezione automatico dell’acqua attraverso la produzione naturale del sale.

L’elettrolisi salina, come funziona

Il cloro può essere prodotto direttamente il loco. Come? Par­tendo da semplice sale disciolto direttamente nell’acqua del­la piscina. Stiamo parlando del processo di elettrolisi salina, consentito da un apparecchio chiamato clorinatore, che, attraverso un campo magne­tico, scinde la molecola di cloruro di sodio, dando così origine a cloro gassoso e acido ipocloroso, oltre che a un re­siduo di ipoclorito di sodio. Poiché l’ipoclorito di sodio de­termina un innalzamento del pH dell’acqua, occorre tenere questo parametro costantemente sotto controllo e deve es­sere regolato attraverso gli appositi sistemi automatici (il funzionamento risulterà ottimale con un livello di pH pari a 7.2). Il consumo di cloro è legato a una serie di fattori, come l’utilizzo della vasca o le condizioni meteo, quindi non si può definire con esattezza la quantità precisa richiesta da ciascu­na piscina.

In generale, bastano 4-5 grammi di sale per litro: in seguito alla prima immissione di tale quantitativo in acqua all’avvio dell’impianto, basterà integrarne la dose nel corso dell’anno con aggiunte molto più contenute. Da non sottova­lutare, però, i possibili effetti dell’acqua salata sui comple­menti presenti in vasca: il sale disciolto nell’acqua, infatti, potrebbe corrodere le parti di accessori realizzati con mate­riali inadatti. L’acciaio impiegato, ad esempio, dovrebbe esse­re Inox AISI 316L.

Il sistema di elettrolisi salina deve essere scelto e calibrato in base alle dimensioni della piscina e al suo uti­lizzo. Ne consegue che il suo costo dipen­de, prima di tutto, dalla dimensione della piscina: maggiori sono i metri cubi di acqua da trattare, maggiormente potenti do­vranno essere le cellule di elettrolisi, così come più alto sarà il numero di elettrodi, di anodi e di catodi. Alcuni apparecchi, inoltre, offrono anche altre prestazioni, come il controllo au­tomatico di pH e Redox, elementi che fanno inevitabilmente incrementare il costo del dispositivo. Un clorinatore può durare in media da 3 a 5 anni, a patto che sia eseguita una manutenzione corretta dell’impianto. 

Quali sono i vantaggi di utilizzare l’elettrolisi salina?

  • Migliore qualità dell’acquagrazie alla possibilità di evitare l’uso di prodotti chimici per la disinfezione.
  • Concentrazione di cloro minore nell’acqua, con conseguente riduzione dei danni per la pelle e gli occhi dei bagnanti, specialmente dei soggetti allergici, dei bambini e delle persone anziane;
  • Assenza di odore di cloro in piscina
  • Costi inferiori di manutenzione grazie al minor utilizzo di prodotti chimici
0 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like