Come prendersi cura delle piante grasse

piante grasse

Sono in molti a pensare che le piante grasse siano
così resistenti da non aver bisogno di cure particolari. Nonostante siano abituate
a crescere in ambienti ostili, sono infatti originarie delle zone aride e
desertiche, quando le coltiviamo in vaso il loro habitat naturale cambia e
pertanto anche le piante grasse necessitano di alcune cure per sopravvivere al
meglio.

La cura delle piante
grasse è piuttosto semplice
e non richiede competenze particolari, ecco alcuni
accorgimenti da non sottovalutare:

5 accorgimenti per una crescita sana e rigogliosa

Terreno e concimazione

Le piante grasse necessitano di un
terriccio specifico. La scelta ideale è un terriccio che contenga in
percentuali adeguate potassio
per stimolare la fioritura, azoto per favorire
una crescita rigogliosa e fosforo che
incrementa lo sviluppo delle radici. Durante la primavera e l’estate occorre
somministrare del fertilizzante durante
i processi di innaffiatura.

Esposizione

Le piante grasse necessitano di tanto sole
in quanto l’esposizione diretta ai raggi solari facilita il loro metabolismo e
le pone nelle condizioni ideali di crescita. Se durante l’inverno le piante
grasse vivono dentro casa, è importante sistemarle nel punto maggiormente luminoso
e al caldo. Quando in casa lo spazio è poco e le piante grasse sono molte,
d’inverno si possono riporre all’interno di una serra mantenendole all’esterno,
in giardino o sul balcone.

piante grasse: esposizione

Innaffiature

Come per qualsiasi altra pianta, prima
di procedere con l’innaffiatura è sempre opportuno toccare il terriccio per
verificare che sia asciutto, le piante grasse troppo bagnate corrono il rischio
di marcire
. In primavera e nei mesi estivi occorre bagnarle una volta alla
settimana, mentre in inverno sarà sufficiente innaffiarle una volta al mese.

Quando rinvasare

Il momento del rinvaso arriva quando ci accorgiamo
che la dimensione della pianta grassa supera o quasi, quella del vaso. Il
rinvaso deve essere effettuato in estate
che, come detto prima, coincide con la
fase di crescita. Durante la rinvasatura è opportuno verificare le condizioni
generali delle radici, controllare l’eventuale presenza di insetti nocivi che
potrebbero compromettere la sopravvivenza della pianta.

piante grasse: quando rinvasare

Potatura

Generalmente le piante grasse non
necessitano di potatura
, se non per eliminare parti malate o danneggiate,
oppure nel caso si desideri moltiplicare la specie per talea. In questo caso
occorre scegliere un fusto o una foglia in perfetta salute, tagliare vicinissimo
alla base e inserire le talee singolarmente in un terriccio. Il periodo più
indicato per la moltiplicazione delle piante grasse è l’estate inoltre è
indispensabile che le piante grasse
abbiano raggiunto uno sviluppo tale da
fornire il giusto quantitativo di materiale vegetale per la moltiplicazione.

5 accorgimenti per una crescita sana e rigogliosa



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *