Come rendere la casa più green e tecnologica in 5 mosse

69 Shares
67
0
2

Le nuove tecnologie sono ormai talmente diffuse che hanno fatto il loro pieno ingresso nelle nostre case. Pensiamo agli smartphone e alle tivù digitali, ma anche agli elettrodomestici, alle lampadine, ai termostati e persino ai rubinetti intelligenti che oggi sono stati sdoganati. Infatti, questi accessori non costano poi così tanto, ma sono diventati alla portata di tutti. Grazie ad essi la casa diventa non solo più confortevole ma anche più sostenibile: vediamo quali sono 5 modi in cui la tecnologia può dare una grossa mano all’ambiente.

Elettrodomestici smart

Ormai tutti gli elettrodomestici di ultima generazione sono dotati di un sofisticato sistema di controllo che è in grado, in maniera autonoma, di governare cicli di lavorazione e funzioni. Un’apparecchiatura capace di modificarne l’attività, in base ad alcuni parametri rilevati autonomamente. Si tratta in pratica di una serie di sensori, collegati a dei sistemi di controllo, in grado anche di decidere come impostare la centralina elettronica. E così la lavatrice si regola in funzione del peso della biancheria, il forno gestisce da sé tempi e temperature in base alla pietanza, e lo scaldabagno si accende in dipendenza della frequenza con cui viene usato. Inoltre, i nuovi elettrodomestici sono anche a basso consumo e permettono così di ridurre gli sprechi, abbassando di conseguenza anche i costi.

Materiali green per la casa

Ma se la tecnologia aiuta a gestire la casa e a risparmiare, scegliere dei materiali di ultima generazionerispettosi dell’ambiente è altrettanto importante. Quindi anche la scelta dei mobili dovrà essere orientata in questa direzione e vanno preferiti quelli realizzati con materiali ecosostenibili. Gli arredi in legno, ad esempio, per quanto classici sono ottimi e vengono prodotti in maniera sempre più responsabile e attenta al fenomeno del rimboschimento. Per non parlare dell’arredo con il vetro che risulta perfetto trattandosi di materiale totalmente riciclabile e realizzato con tecniche innovative. E c’è anche chi per costruire adopera il cartone pressato, che è un’ottima maniera di riciclare la carta, oppure altri materiali riciclati come ad esempio i pallet, che ora sono di gran moda.

Ottimizzazione dei consumi energetici

Ovviamente non può mancare in una casa moderna l’illuminazione intelligente che, grazie a dei sensori, si accende quando riconosce la presenza di persone nella stanza e si spegne appena si svuota, consentendo di ridurre notevolmente lo spreco di energia elettrica. Si tratta di un valido metodo per ottimizzare i consumi elettrici e risparmiare, ma non è l’unico. Abbiamo già parlato degli elettrodomestici di categoria superiore che permettono un grande risparmio. Un’altra soluzione molto comoda consiste nel tenere costantemente sotto controllo i consumi tramite una piattaforma online, come per esempio MyAcea, di cui si può usufruire attivando una delle offerte per la luce e il gas di Acea. Così facendo si potrà sapere in ogni momento quanta energia si consuma e capire facilmente come intervenire per ridurre gli sprechi. Infine, per risparmiare ulteriormente si può anche pensare di gestire l’illuminazione a distanza, montando una serie di dispositivi in grado di dialogare con lo smartphone tramite la rete, con un app gestionale capace di regolarle in funzione della luce esterna.

Controllo della temperatura

Anche la temperatura di casa può essere automatizzata tramite un termostato intelligente, capace di regolare l’impianto in funzione del calore di ogni stanza. Ma si può ottenere molto di più variando i parametri tramite una app, scaricabile sul cellulare, capace di regolare la luce e le altre risorse domestiche anche in funzione degli orari di rientro a casa.

Riduzione degli sprechi di acqua

Infine, si può risparmiare e rispettare l’ambiente riducendo il consumo dell’acqua, anche grazie agli elettrodomestici intelligenti, capaci di dimensionarne la quantità in base al carico e ai programmi. Ma la tecnologia interviene anche sui rubinetti green, sia con i frangigetto e i riduttori di flusso, che i miscelatori termostatici che regolano la temperatura dell’acqua calda mentre esce dai rubinetti.

 

69 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like