Come scegliere le scale per interni

Abitare in una casa su più livelli è piacevole ma anche faticoso. Per rendere la vita più facile e sicura, la scala deve essere progettata con cura. Materiali e finiture la trasformano in un elemento d’arredo.

Elemento di collegamento tra i piani della casa, la scala diventa spesso motivo d’arredo importante che dona carattere e personalità, a patto che sia progettata con cura. Per sfruttare al meglio lo spazio a disposizione, scegliere il modello più adatto e orientarsi tra le tante tipologie, è importante conoscere prima dell’acquisto alcuni aspetti.

Le varie tipologie di scale per interni

La scala rettilinea è quella che si sviluppa con una sola rampa o su rampe parallele, può essere interrotta da un pianerottolo e avere all’inizio e alla fine dei gradini a ventaglio di forma triangolare o a trapezio.

La scala a chiocciola è ideale quando lo spazio all’interno della stanza è limitato, può avere pianta quadrata o circolare. Spesso è autoportante e sostenuta da una colonna centrale. La scala a chiocciola occupa poco spazio, ma se ha un diametro stretto, inferiore ai 130 cm, può risultare difficile salire e scendere. In questo caso l’alternativa è una scala elicoidale.

scala a chiocciola progetto casa R+EN a Pozzallo di Officine D’architettura

 

La scala elicoidale si differenzia da quella a chiocciola per struttura e dimensione. La scala elicoidale si sviluppa a partire da due elementi, ovvero due eliche (una interna e una estera), capaci di reggere il tutto e può arrivare ad essere grande il doppio di una scala a chiocciola. Le scale elicoidali possono essere: con piantone centrale portante oppure autoportanti.

scala elicoidale modello Vortika di Vittorio Sandrini

Un’altra soluzione per chi dispone di poco spazio sono le miniscale. Possono colmare una quota di 290 cm con un ingombro a terra di 150 cm. La struttura è composta da moduli adattabili alle singole esigenze ed è un’ottima soluzione per colmare dislivelli non troppo alti e per raggiungere soppalchi, senza togliere troppo spazio al resto degli ambienti.

miniscala OXA MINI di Fontanot

La scala autoportante è in genere aerea e costituita da un montante centrale o da elementi sovrapposti uno sull’altro in acciaio. Regolabile in altezza, ai appoggia al pavimento ed è ancorata alla soletta del piano superiore. Veloce da montare e smontare, in caso di trasloco si adegua ad altezze diverse.

scala autoportante bianca

La scala in muratura, invece, si realizza più facilmente quando la casa è in fase di costruzione o ristrutturazione. Viene infatti agganciata a sbalzo a una parete portante, si appoggia su una trave in cemento armato oppure si inserisce tra due pareti.

La scala a giorno è la più scenografica, occupa il centro della stanza o, se addossata a una parete, resta aperta verso il locale. In questi casi, la scelta dei materiali e delle finiture è molto importante perché determina lo stile dell’abitazione.

Scale per interni: i materiali

Il legno è usato sia nella struttura portante della scala che come rivestimento dei gradini e offre il vantaggio di poter essere levigato se usurato. Se si prevede un uso frequente è preferibile scegliere delle essenze più dure, come ad esempio rovere, castagno, noce, faggio, altrimenti vanno bene anche legni più teneri come pino, abete, larice.

scala in muratura progetto ZEN Kiea by FORM bureau

Il metallo o la ghisa se utilizzati come materiale di struttura, sono zincati o verniciati a fuoco e garantiscono una buona resistenza anche se usati all’esterno. Per sicurezza i gradini vanno protetti con del materiale antiscivolo come gomma, PVC o legno, facile da sostituire quando rovinato.

scala in metallo progetto HCBC house courtyard by Nat Office

Cotto, marmo e pietre naturali sono materiali di finitura con cui si rivestono i gradini della scala realizzata in muratura. Il cotto prevede pezzi speciali, per il rivestimento di tutte le parti che compongono alzata e pedata del gradino e lo zoccolino da applicare a parete. Marmo e pietra, invece, vengono tagliati su misura.

scala interna progetto Jinke Yulin River Heyuan Villa by NNS Institute

Il vetro temperato, abbinato al legno, all’acciaio o al ferro, è una combinazione che ritroviamo sempre più spesso nelle case moderne. Grazie alla sua resistenza può essere utilizzato per il parapetto oppure per realizzare alzata e pedata del gradino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *