La seconda vita dei piatti

La seconda vita dei piatti particolarmente decorativi, preziosi e non, è quella di essere messi in mostra come veri e propri quadri. Vediamo l’effetto che fa.

Parete bianca, piatti colorati e decorati…ma se la parete ha tinte forti, i piatti non possono che essere bianchi.

Il tema dei piatti da appendere può essere il colore ma anche il decoro, magari un decoro a cui ti sei appassionata perché hai visto tanti piatti così nei mercatini, o anche uno più particolare, originale, che hai scovato in giro per negozi.

Hai una casa moderna? I piatti appesi non devono essere necessariamente decorati con fiorellini o paesaggi bucolici. Puoi scegliere disegni grafici che ben si adattino allo stile del tuo arredamento, magari appendendo i piatti seguendo una forma immaginaria e combinando misure differenti che vanno dal piattino per il pane al piatto frutta, fino a quello piano.

Puoi anche utilizzare piatti di servizi incompleti che non usi più per la tavola o pezzi trovati dai rigattieri: basta scegliere un tema che ti piaccia…e la caccia al piatto e aperta!

Di piatti bianchi e decorati i rigattieri sono pieni. Puoi davvero sbizzarrirti nella scelta, e decidere di optare solo per quelli con il bordo decorato o con il motivo che spazia su tutta la superficie, con o senza profilo dorato, oppure inventare un mix fantasioso. Chi ha detto, poi, che si appendono solo i piatti, e non per esempio un bel vassoio in porcellana con il bordo che sembra un pizzo? Per una casa classica è la scelta ideale.

 

Ma cos’è che trasforma un piatto in un quadro?

Bé, oltra al fatto di essere talmente bello e decorativo da meritare un posto alla parete, è il gancio giusto che permette di appenderlo al meglio. In commercio sono disponibili ganci in diverse misure e che, grazie alla molla, riesce ad adattarsi a piatti di qualsiasi diametro.

Prima di appendere i piatti, fai le prove sul pavimento, esattamente come si fa con i quadri: crea la composizione che preferisci, prendi le misure e fai dei segni sulla parete con la matita. Fatto ciò puoi attaccare i chiodi e fissare i tuoi piatti alla parete.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *