L’importanza di avere un bagno rinnovato

bagno moderno con doppio lavabo

Secondo Habitium.it, e-commerce specializzato in articoli per il bagno e per la casa, è consigliabile riformare il bagno almeno ogni 30 anni, a causa dei vari problemi che si presentano con il passare del tempo, senza che noi ne siamo coscienti.

Gli esperti affermano che in Italia i metri quadrati abitativi da ristrutturare sono 13 miliardi, un’enormità se pensiamo che molti di essi si concentrano nei centri urbani maggiori, e se pensiamo che ogni nucleo abitativo da ristrutturare porta con sé problemi come usure, fughe, rotture, ossidazioni e l’apparizione di umidità che accentua progressivamente e che fa sí che la casa si deteriori col tempo.

La tendenza è quella di correre al riparo pitturando o provando a coprire la rottura o usura, però non è una soluzione a lungo termine dato che in seguito queste appariranno più progressivamente e con più frequenza. È anche questo il motivo per cui gli italiani decidono di riformare in primo luogo il proprio bagno, essendo questa la stanza più a rischio di danni da umidità e da deterioro.

Microrganismi, batteri, calcare, rotture, usura di materiali: sono queste le principali cause per cui ristrutturare il bagno.

I motivi non sono solamente rotture e deterioramenti: è infatti consigliabile anche dal punto di vista sanitario fare una riforma al bagno ogni 30 anni circa. Questo è dovuto alla comparsa di microrganismi e batteri che appaiono e si insediano nell’abitazione.

La pulizia con disinfettante e candeggina è un buon modo per mantenerli a distanza nella vita di tutti i giorni, però dopotutto ci sono luoghi dove non è possibile effettuare una pulizia a fondo, come dentro i tubi, in alcune parti dei mobili da bagno, o nelle rubinetterie, dove si insediano questi microrganismi. È inevitabile che in queste condizioni si formerà, prima o poi, la muffa, anche se l’ambiente intorno sembra apparentemente pulito.

Un altro problema da evidenziare è la presenza di calcare nell’acqua del rubinetto, che in alcune zone dell’Italia è talmente forte da rendere l’acqua non potabile. L’acqua contenente molto calcare e l’usura che provoca nei rubinetti e mobili del bagno è qualcosa che desta preoccupazione a tantissime persone. L’ accumulazione costante di calcare nel corso degli anni finisce col causare incrostazioni nelle tubazioni, otturando poco a poco fino a formare un tappo. Quando il calcare accumulato è molto, causa intasature importanti o, addirittura, rotture totali. L’unica soluzione immediata in questi casi è chiamare un idraulico specializzato, sperando che risolva il problema.

Il lato positivo è che può essere un’opportunità per dare un tocco più elegante e moderno al bagno.

Riformare un bagno può anche essere esteticamente molto positivo per l’armonia e la decorazione della casa. In effetti, è una delle preferenze delle famiglie, le quali si basano sul fatto che vi sia una sensazione di qualità e pulizia quando un bagno è rinnovato e ha nuovi materiali di qualità, rispetto a un bagno che non lo è. Tra i vari aspetti, sicuramente alcuni dei più importanti sono il design e l’illuminazione per tenere la stanza da bagno in un perfetto stato.

Al giorno d’oggi esistono aziende specializzate in questo tipo di arredo, come Habitium.it che dispone di una gran varietà di prodotti per il bagno, in caso di voler effettuare una riforma in casa. Questo negozio dedicato interamente all’e-commerce di articoli per la casa è uno dei portali più specializzati nel settore del bagno. Attualmente sta ottenendo un gran successo grazie soprattutto ai suoi prezzi ed alle sue consegne gratuite.

Una cosa è sicura, ovvero che non bisogna lasciar passare gli anni prima di decidersi a riformare il bagno al fine di evitare problemi gravi per la casa. Prevenire è meglio che curare, nel bagno più che mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie Cookie policy