Ristrutturare una casa per renderla antisismica? Si può grazie all’intervento di un professionista

Ristrutturazione antisismica

Il 60% del
patrimonio edilizio in Italia
è stato realizzato senza adottare norme
antisismiche specifiche.

La novità più rilevante in fatto di norme antisismiche è infatti entrata in
vigore in seguito alla Legge del 1974,
la stessa che ha introdotto l’obbligo di
costruire seguendo tutta una serie di norme tecniche
per la costruzione di
abitazioni in aree sismiche.

La stragrande maggioranza del patrimonio edilizio
italiano necessita d’un impegno economico pubblico e privato per essere messo a
norma, e fruire della giusta sicurezza e stabilità.

Ridurre
il rischio è possibile investendo risorse
.

“Bene fa lo Stato a continuare a supportare con incentivi
e detrazioni fiscali le opere antisismiche, ma purtroppo non basta – sottolinea
Paolo Spagna, Consigliere Nazionale dei
Geologi e Vice Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale
dei Geologi
-.

La parola chiave è prevenzione

La
strada maestra è e rimane la prevenzione
. Riduce fino al 10% i costi generali e limita il
rischio di perdite umane tra i 22 milioni di persone che vivono in zone ad
elevato rischio sismico”.

In base ai dati resi noti dal Consiglio Nazionale dei
Geologi la mancata prevenzione del
rischio sismico,
dal dopoguerra ad oggi, è costata all’Italia circa 200 miliardi di euro e un numero
notevole di vittime.

Costi alla mano per
mettere in sicurezza il patrimonio abitativo italiano
da eventi sismici si
prevede un investimento totale di circa
93 milioni di euro.

La
parola chiave è prevenzione
e
rendere antisismico un edificio è possibile. Non è strettamente necessario
demolire per ricostruire, ma è possibile andare a compiere modifiche
strutturali, in grado di rinforzare, ma soprattutto regalare all’edificio il giusto grado di ‘dinamicità’ per
sopportare le scosse sismiche.

Ristrutturare grazie all’intervento di professionisti
accreditati

Prima di effettuare un qualsiasi intervento su
un’abitazione già esistente devono essere effettuati controlli ed esami
preliminari, avvalendosi della professionalità di un esperto.

Il primo passo consiste nella sistemazione di tiranti per fissare le pareti di una casa da un
angolo all’altro. La messa in opera di
tubi di metallo
per bloccare i muri consente di rendere la struttura più
solida. L’intervento deve tenere nella giusta considerazione anche l’estetica
della casa, per questo i tiranti dovranno essere nascosti dall’intonaco per
abbellire la struttura.

Le pareti possono essere rafforzate dalla sistemazione di reti elettrosaldate,
mentre gli intonaci possono subire la giusta modifica utilizzando materiali all’avanguardia e decisamente
più resistenti a base di calce.

Ristrutturazione casa antisismica

La parte più a rischio dei vecchi edifici è
rappresentata dall’area del solaio, per questo è bene intervenire sistemando tiranti in acciaio, che consentono di migliorare di gran lunga il
collegamento  fra le pareti
.

La struttura può essere rinforzata sistemando pilastri in intonaco armato,
in grado di dare sostegno e fungere da
‘elementi assorbenti’ nel caso di vibrazioni
.

E’ importante intervenire
anche sulle fondamenta
, iniettando
all’occorrenza materiale stabilizzante.

Quando
si interviene su un edificio a più piani è importante farlo in maniera globale
. E’ infatti riduttivo limitarsi a mettere in
sicurezza un singolo appartamento.

Valutare caratteristiche antisismiche all’atto di
acquisto di una casa

All’atto di acquisto di una casa è importante ottenere
tutte le informazioni sulla stessa per capire
se la costruzione vanta caratteristiche antisismiche.

Come per le aree interne di un edificio è importante,
dopo un certo numero di anni, eseguire controlli agli elementi strutturali,
soprattutto per controllare che nel tempo non siano intervenute modifiche di
rilievo.

Alcuni segnali di difficoltà si possono intravvedere
facilmente come le crepe lungo gli
intonaci
nel caso in cui risultino evidenti ed abbbiano intaccato tutto lo spessore del muro. Un altro segno di sofferenza
è la presenza di distacchi fra solai e
muri
.

Considerando i
costi di un intervento
per mettere a norma sismica un’abitazione una prima
stima considera un costo che ammonta a
circa  200-300 euro/mq
.

Una ‘polizza terremoto’ per tutela l’abitazione

Sempre più persone scelgono di proteggere la propria
abitazione anche dai rischi sismici e per questo sottoscrivono ‘polizze terremoto’.

La copertura sismica di solito è parte integrante
delle ‘polizze casa‘.

Ristrutturazione casa antisismica

Le polizze
anti-sisma
sono studiate per aiutare il sottoscrittore ad affrontare gli eventuali disagi che possono derivare da un
evento come il terremoto
.

Di norma le polizze offrono un contributo per coprire le spese di ripristino della casa
colpita da un sisma. La percentuale del
rimborso è stabilita all’atto della sottoscrizione della polizza
e può
coprire spese per demolizione, sgombero, smaltimento macerie, trasporto al pari
di spese per pernottare in albergo nel caso in cui la casa risulti inagibile.

L’assicurazione contro il terremoto, così come quella
per le calamità naturali non rientra
nella categoria delle polizze obbligatorie
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *