Ristrutturazione bagno e detrazioni fiscali: i lavori consentiti

Detrazioni fiscali per la ristrutturazione del bagno

Desideri rinnovare il tuo vecchio bagno? Vediamo insieme
tutti gli interventi di ristrutturazione bagno che possono avvalersi delle detrazioni fiscali.

Le detrazioni fiscali sono volte a coprire il 50% della spesa necessaria per gli interventi di manutenzione straordinaria. Naturalmente per gli interventi di manutenzione ordinaria non è possibile accedere a tale beneficio.

Ma quali sono gli interventi di manutenzione ordinaria che NON possono accedere alle detrazioni fiscali?

  • Sostituzione dei sanitari
  • Sostituzione delle
    piastrelle
  • Trasformazione della
    vasca da bagno nel box doccia
  • Tinteggiatura pareti

Chi vuole ristrutturare il bagno, per accedere alle detrazioni fiscali, deve abbinare ai lavori di manutenzione orinaria, opere di manutenzione straordinaria quali:

  • rifacimento dell’impianto idrosanitario
  • modifiche alla rete idrica di varia entità
  • rifacimento dell’impianto elettrico
  • spostamento di tramezze
  • adeguamento del bagno per renderlo accessibile alla persona disabile

Detrazioni fiscali per la ristrutturazione del bagno

La sostituzione della rubinetteria e dei sanitari – trasformazione della vasca in box doccia, sostituzione del wc, di pavimenti e rivestimenti – può beneficiare delle detrazioni fiscali solo se accompagnata da un intervento di manutenzione straordinaria.

Altri interventi di manutenzione straordinaria detraibili fiscalmente per la ristrutturazione del bagno sono:

  • sostituzione degli infissi
  • realizzazione di un controsoffitto
  • realizzazione di un sistema di ventilazione
  • coibentazione
  • realizzazione di lucernari
  • risanamento delle vecchie murature
  • sostituzione della caldaia

Per chi invece decide di realizzare un secondo bagno in casa, qualsiasi tipo di intervento può essere eseguito sfruttando le detrazioni fiscali al 50%. L’unica condizione per portare in detrazione la spesa per la
realizzazione di un secondo bagno consiste nello sfruttare uno spazio già disponibile nella casa, quindi senza prevedere eventuali ampliamenti della superficie abitativa.

Detrazioni fiscali per la ristrutturazione del bagno

Naturalmente chi effettua interventi di ristrutturazione bagno, intesa come manutenzione straordinaria, può accedere al bonus mobili. L’acquisto dei mobili del bagno con il bonus mobili è permesso anche nel caso in cui i lavori di ristrutturazione abbiano coinvolto altre parti della casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie Cookie policy