Romeow Cat Bistrot Roma

dettagli home decor

Inaugurato
lo scorso dicembre a Roma, il Romeow Cat Bistrot è un nuovo locale specializzato
in cucina vegana ispirato ai famosi Neko Cafè giapponesi: caffetterie in cui
vivono colonie di gatti .

Il bistrot,
progettato in collaborazione con il designer
Tommaso Guerra, è stato concepito come una vera e propria casa abitata da 6
gatti che condividono in modo molto naturale lo spazio con le persone.

La sala
principale ospita tavoli, sedute, cuscini, un pianoforte, oltre a diverse decorazioni
a parete, scelte mirate per trasmettere una
sensazione di familiarità, proprio come se fosse la sala da pranzo di una
casa privata. In prossimità della cucina una scala a chioccola in legno conduce
al soppalco. Qui lo spazio è suddiviso in due ambienti: la zona lounge,
caratterizzata da un soffitto alto,  destinata
ad accogliere le persone e dove vengono serviti i drink; una zona a soffitto
basso, arredata con poltrone vintage in velluto, vecchie valigie, dedicata al
riposo dei gatti.

Il Romeow
Cat Bistrò non è certo un semplice locale che ospita gatti ma è un bistrot
raffinato e ricco di design, dove recarsi per gustare cibi freschi e sani, dalla prima colazione alla cena.

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

foto via Tommaso Guerra 

Romeow Cat Bistrot

via Francesco Negri 15 

Roma

www.romeowcatbistrot.com

3 Comments

  1. LuciCuce
    22 Gennaio 2015 / 4:24 pm

    ma è favoloso!!! E poi quanti spunti di arredo ci sono..!!! I love it!!!

    • dettagli
      22 Gennaio 2015 / 6:51 pm

      Ciao Luci, si è davvero favoloso e ricco di dettagli originali! grazie per il tuo commento, eli

  2. serena (io imparo con la felicità)
    22 Gennaio 2015 / 7:16 pm

    la promiscuità con i gatti mi lascia un pò perplessa dal punto di vista igienico…i gatti saltano ovunque, ma animalità a parte il posto mi sembra fantastico dai materiali agli oggetti! e quel lampadario azzurro in tubolare di ferro di chi è? l'ho già visto ma non mi ricordo, bello!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *