Sos cucina!

La
tua vecchia cucina non ti piace più? Vorresti un’ambiente tutto nuovo senza
andare incontro a lavori ingenti e, soprattutto, senza spendere troppo?

Trasformala
in una cucina stile industriale! È di grande tendenza e non è difficile da
mettere
in pratica
: ti basterà scegliere
i dettagli giusti, combinando vecchio e nuovo, per un effetto davvero
ironico
e creativo.

Quello industriale è uno
stile minimal, che gioca con un mix and match di forme e materiali.

Il colore base è il
bianco, accostato ad elementi in acciaio e superfici in legno, anche un po’
invecchiate, che ammorbidiscono la durezza del metallo.

Spesso le pareti sono in
mattoni a vista o rivestite da piastrelle bianche stile
underground,
per rafforzare la sensazione di essere in uno spazio “vissuto”.

Le forme degli oggetti e
dei complementi sono definite e lineari e non servono troppe decorazioni.
Naturalmente non può
mancare un tocco di colore, forte e vivace, che rende la cucina giocosa e
allegra.

Abbinate al vostro tavolo
delle nuove sedute
a
contrasto, per materiale o colore, e valorizzerete tutto l’angolo pranzo.
Ad
esempio, sedie e sgabelli in metallo colorato sono perfetti per un tavolo con
il piano in legno.
Potete
optare per le celebri sedie Tolix modello A in una cascata di colori vivaci. Le
originali si possono trovare da La fabbrica del verde.
Un’alternativa?
I coloratissimi sgabelli Nicole realizzati dagli Stabilimenti Nicolle di
Montreal negli anni ’30.

Vigore
industriale ma con un tocco di romanticismo? Attorno al tavolo delle sedie
pieghevoli da esterno, tutte uguali e dall’aria vissuta (il modello nella foto
si rifà alla sedia disegnata da Joseph Mathieu nel 1922), oppure miscelatele
con sgabelli in ferro e legno, recuperati al mercatino, che ricordano quelli
che si usavano nelle vecchie fabbriche.

La
cucina è country chic e avete paura di osare con il colore? Accostate al vostro
tavolo bianco alcune sedie in legno scuro. Quella nella foto è una Thonet anni
’40; la trovate da adartevintagedesign.it;

Dimenticate
pensili e mobili
chiusi: in una cucina industriale tutto è a vista. Dalle stoviglie alla
dispensa, ogni oggetto è a portata di mano e si deve trovare con facilità.

Mensole,
scaffali industriali in metallo (ne trovate di svariati da Ikea),
librerie
usate e riciclate in modo creativo sostituiscono credenze e mobiletti. E sui
ripiani tanti barattoli in vetro per contenere gli alimenti, ceste e cestini in
ferro (tutto da
Bloomingville).
La vecchia bilancia della nonna darà il perfetto tocco vintage.


In
una cucina industriale, l’illuminazione
ricorda le lampade
utilizzate nei magazzini e nelle fabbriche di tutto il mondo; usa luci a
sospensione per completare la zona pranzo e per illuminare il piano di lavoro,
otterrai un effetto industriale e supertrendy al 100%!

A
noi è piaciuta molto
Glas, una lampada firmata Diesel in
collaborazione con Foscarini; da spenta il paralume appare come metallo ma una
volta accesa cambia aspetto e si trasforma in vetro traslucido e satinato di
una calda tinta marrone.

I
particolari sono importanti per ricreare il perfetto mondo industriale. Scritte
e numeri, così come ventilatori e grandi orologi, sono un must di questo stile.
Ne
puoi trovare di bellissimi da Bloomingville.

L’idea
creativa? Un uso nuovo per un vecchio oggetto; ad esempio un attrezzo per lo
stoccaggio delle bottiglie da utilizzare come porta tazze o un vecchio secchio
da trasformare in porta riviste!

2 Comments

  1. portapallet
    5 Feb 2013 / 10:25 am

    ottimo articolo

    • dettagli
      5 Feb 2013 / 12:34 pm

      Grazie 1000!!elisabetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *