Un loft in una vecchia scuola a Rotterdam

zona giorno open space

Un loft in una vecchia scuola a Rotterdam, è il
progetto eseguito dallo studio Eklund Terbeek in un edificio del 1912
riconvertito in sei appartamenti. Lo studio di progettazione si è occupato della
ristrutturazione dell’edificio e del progetto di interior design destinato al
loft,
originariamente composto da un
corridoio e da due aule. 

Le aule
scolastiche
 sono state unite per creare un’ampia zona giorno open space. Una fila di
finestre e le pareti imbiancate rendono lo spazio arioso e luminoso, mentre il
soffitto in cemento crea un interessante contrasto con il candore dei
muri. 

Il living ospita anche la cucina con una grande isola in cemento. Per aggiungere un tocco di
colore e calore, i progettisti hanno scelto il noce scuro per la dispensa e il
tavolo da pranzo.

corridoio e cucina

Nella parte anteriore dell’ambiente
spicca il soggiorno
con una parete attrezzata con una grande libreria e un divano grigio,  mentre al di sopra
si sviluppa un soppalco nel quale si trova uno studio, accessibile tramite una
scala celata dalla libreria e illuminato da una finestrella quadrata. I
soffitti del loft, alti cinque metri, hanno permesso ai progettisti d’inserire
un mezzanino nel corridoio, in grado di accogliere un ulteriore spazio per la
notte. Un altro mezzanino è stato aggiunto sopra l’ex ufficio del preside, utilizzato come stanza per gli ospiti

living

living con soppalco

living

zona giorno open space

In fase di ristrutturazione sono stati mantenuti alcuni
elementi originali della precedente costruzione, come la 
piastrelle giallo senape del corridoio.
Nel bagno, cinque dei cubicoli originali sono stati rimodernati e a ognuno sono
state conferite funzioni differenti, ad esempio in uno ora è presente una
doccia. I cubicoli sono rifiniti con piastrelle in nero antracite, mentre il
muro posteriore è dotato di un grande specchio.

bagno

bagno

camere da letto

Un progetto interessante dove “vecchio e nuovo
convivono in perfetta armonia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *