Una piccola casa sostenibile in Normandia

Dai resti di un vecchio cottage in
pietra l’architetto Franklin Azzi ha progettato una casa vacanze completamente
sostenibile.

Il progetto è stato realizzato
impiegando risorse locali come legno e pietra, infatti la forma originale dell’edificio
è stata mantenuta in pietra ed ampliata grazie alla costruzione di due
piattaforme di legno posizionate su entrambi i lati  della casa. Anche la parte posteriore della casa è
stata ampliata e rivestita di legno.   La tonalità del legno scelto è perfettamente in sintonia con i colori della pietra e rende estremamente
naturale l’unione tra il vecchio e il nuovo. 

La casa dispone di un sistema di
riciclaggio dell’acqua piovana, pannelli solari e utilizza inoltre l’energia
geotermica. Legno e fibre vegetali sono stati scelti come materiali di isolamento
per rendere tutto il più naturale possibile.  Per il riscaldamento è prevista una stufa a
legno e riscaldamento a pavimento.

L’accesso alla camera da letto al piano
superiore avviene tramite le scale esterne create nelle due estensioni di legno,
 in caso di maltempo internamente è stata
inserita una piccola  scala con botola. La camera da letto è molto accogliente e
luminosa grazie alla presenza i molti lucernari e un abbaino.  La zona
notte dispone inoltre di una terrazza panoramica da cui si può ammirare tutta
la valle circostante. Il bagno nel sottotetto dispone di due grandi lucernari,
uno dei quali posizionato proprio sopra la vasca. Per risparmiare spazio nell’abitazione
è stato previsto un ripostiglio esterno costruito lungo il muro di sostegno sul
retro.

Molte altre immagini relative al prima, durante e dopo la costruzione,
oltre ai rendering, sono visibili nel sito dell’architetto
Franklin Azzi .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *