Una terrazza romana

Rivisitazione in chiave contemporanea di una terrazza

Legno, ferro, travertino, questi i materiali scelti
dagli architetti dello studio BICUADRO per la rivisitazione in chiave contemporanea di una terrazza romana.

Il progetto è nato con lo scopo di realizzare una
prosecuzione all’esterno dello spazio interno di un attico nel cuore di Roma
cercando un modo per far dialogare Roma, i suoi materiali e colori, con le
esigenze di una terrazza contemporanea. La scelta di creare strutture in ferro
e legno basse, staccate dal bordo, che sembrano galleggiare nello spazio e sul
pavimento in travertino, risulta vincente.

L’isola centrale in teak e ferro ospita al centro un
braciere
, che all’occorrenza può diventare tavolino, ed è incorniciata da una
serie di volumi che diventano vasi, sedute, contenitori. Le sedute di UNOPIU’
creano un’atmosfera conviviale e da salotto. La vegetazione disposta lungo i
bordi e sapientemente calibrata, crea un’atmosfera quasi campagnola con
l’utilizzo di essenze esclusivamente locali.

Rivisitazione in chiave contemporanea di una terrazza

Rivisitazione in chiave contemporanea di una terrazza

Rivisitazione in chiave contemporanea di una terrazza

Due zone distinte completano poi la terrazza; il
prendisole, con una struttura modulare in ferro e legno che serve a calibrare
la quantità di sole che si desidera ricevere e la zona pranzo. Quest’ultima
disposta sotto un lungo portico, ombreggiato da tende color canna di fucile, è
anticipata da un salottino coperto che permette l’utilizzo della terrazza anche
durante le giornate di pioggia creando una sosta nel percorso esterno
dell’appartamento. 

Rivisitazione in chiave contemporanea di una terrazza

Rivisitazione in chiave contemporanea di una terrazza

Rivisitazione in chiave contemporanea di una terrazza

Tutti gli arredi e le
lampade scelte per l’arredamento sono stati forniti da UNOPIU’, mentre le
strutture, incluse le fioriere e le sedute fisse, sono state realizzate da
abili artigiani romani.

www.bicuadro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *